Genova diventa “La Meravigliosa” – Perchè investire a Genova

Genova è sempre stata “la Superba”. Per secoli dominatrice del Mediterraneo con il suo porto – che è ancora il più grande e importante d’Italia – è stata il centro della marineria e del commercio mondiale: uno sviluppo legato prima alla sua predominanza finanziaria e poi all’avvento dell’industria. Il 27 aprile 1407 inizia da Genova la straordinaria avventura della Casa e del Banco di San Giorgio, espressione di quel talento per gli affari con cui i genovesi riusciranno a creare un impero finanziario, assumendo il ruolo di “banchieri d’Europa”. Nel XIX la città costruisce un importante polo produttivo, con cantieri navali e acciaierie, che caratterizzerà profondamente il tessuto locale per più di un secolo.
Negli ultimi anni la città sta attraversando una fase di grande cambiamenti, figli delle sfide globali del nuovo millennio, che hanno richiesto un rinnovamento completo, a partire dal suo rapporto con il mare. La nuova “blue economy” di Genova è l’insieme di tutte le attività umane che utilizzano il mare, le coste e i fondali come risorse per le attività industriali e lo sviluppo di servizi quali, ad esempio, acquacultura, pesca, biotecnologie marine, turismo marittimo, costiero e di crociera, trasporto marittimo, porti e settore cantieristico, energie rinnovabili marine, inserite in un’ottica di sostenibilità.
Ma se la città cambia, rimane sempre la stessa la tenacia del popolo genovese nel voler ripartire, più forti e determinati di prima.

CHI È GENOVA, OGGI

Oggi Genova è una città consapevole delle proprie potenzialità di attrarre investimenti pubblici e privati – grazie a una combinazione vincente di impresa, territorio e qualità della vita – per tornare ad essere la prima città del Mediterraneo, in grado di accogliere e valorizzare gli investimenti stranieri, e ritrovare una dimensione internazionale. Molti investitori italiani ed esteri vedono nella nostra città il posto ideale per investire, grazie alle ottime prospettive di business – per location, professionalità e mercato immobiliare – in cui si stanno indirizzando gli investimenti. Genova risulta tra le città italiane in cui acquistare casa è più conveniente: un recente studio ha confermato che, a parità di budget, nel capoluogo ligure è possibile acquisire case molto più spaziose rispetto alla maggior parte delle città italiane.

COSA VUOL FARE GENOVA DA GRANDE

L’economia genovese verrà a breve rafforzata da nuovi importanti progetti perfettamente integrati nel contesto urbanistico/paesaggistico.

  • Erzelli GREAT Campus. In fase di ultimazione l’area dedicata alle scienze e alla tecnologia più estesa d’Italia: Erzelli GREAT Campus ospiterà la nuova facoltà di Ingegneria dell’Università di Genova, un nuovo ospedale, e oltre alle attuali compagnie high-tech già presenti nell’area, anche il nuovo Istituto Italiano di Tecnologia (IIT).
  • Il Terzo Valico dei Giovi. Promuoverà lo sviluppo del traffico da e per il porto di Genova. Il progetto ha lo scopo di garantire un miglioramento nel sistema dei trasporti sia a livello nazionale (fra Genova ed i mercati del Piemonte e della Lombardia) che a livello internazionale (collegandosi al progetto TEN-T Corridoio 24 GenovaRotterdam), determinando vantaggi in termini di tempo, affidabilità e sicurezza.
  • “Fronte amare”. Il progetto di Renzo Piano per ilLungomare di Levante è volto amigliorare il rapporto tra città e mare, in termini di sostenibilità ambientale, sociale ed economica. Il progetto prevede la riorganizzazione dell’area in un nuovo spazio destinato ad area ricettiva, residenziale e commerciale e la creazione di un nuovo asse urbano tra la fiera ed il Porto Antico, che permette alla città di riacquisire un nuovo “fronte mare” attualmente impedito dagli edifici della zona fieristica.
  • I Silos Hennebique. Edifici Liberty del 1901 collocati strategicamente sul Porto Antico a ridosso del Centro Storico. In disuso dal 1980, i silos sono pronti ad una nuova funzione che rispetti le caratteristiche storico-culturali dell’edificio sapendosi integrare nel tessuto del Porto Antico. Il progetto mira a trasformare i silos in un polo multifunzionale di interesse per sia per i croceristi che per eventi/iniziative della città.
 PER MAGGIORI DATI E INFO PER INVESTIRE A GENOVA 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due − uno =